Le associazioni professionali tra avvocati

Meglio soli o ben accompagnati?
Le associazioni professionali tra avvocati


Di Michele D’Agnolo 
Docente di management della consulenza Università di Trento Fondatore Intuitus 


Il presente lavoro tratterà delle motivazioni che possono spingere gli avvocati ad iniziare un cammino comune e delle modalità attraverso le quali si possono verificare le compatibilità tra gli apporti e definire regole di convivenza mutuamente soddisfacenti e durature. Non si discuterà invece di forme aggregative più deboli come i network, per le quali peraltro gran parte dei ragionamenti che saranno effettuati, rimangono comunque validi.

Questo contenuto richiede login o registrazione al sito

Per proseguire devi prima essere riconosciuto come utente

Nuovo utente? Procedi alla registrazione:

Sfrutta al massimo le potenzialità del nuovo mediacatalogo.
Grazie alla registrazione potrai subito accedere a tutti i contenuti liberamente.
Registrati